uva-17119027.png

Uva

Descrizione: L'uva, frutto della vite, viene utilizzata soprattutto per la produzione del vino, e si parla in questo caso di uva da vino, ma anche per il consumo alimentare come frutta, sia fresca (uva da tavola), sia secca (uva passa, utilizzata in cucina e, nella preparazione dei dolci); Si presenta sotto forma di grappolo, composto da un graspo (o "raspo") e da numerosi acini (più propriamente bacche), di piccola taglia e di colore chiaro (giallo, giallo dorato o verde), nel caso dell'uva bianca, o di colore scuro (rosa, viola o, nero), nel caso dell'uva, nera.

Stagionalità: AUTUNNO. La stagione migliore dell'uva è la tarda estate e l'autunno. Nelle altre stagioni si può trovare uva di importazione, quella che arriva da paesi come California e Cile.

Proprietà: L'uva contiene poca vitamina C, quantità minime di proteine e grassi, è ricca di potassio e povera di sodio. Indicata per anemia, affaticamento, uricemia e gotta, artrite, vene varicose, iperazotemia, stitichezza atonica, malattie della pelle. Ha proprietà antiossidanti, e anticancro, dovute soprattutto al contenuto di polifenoli e di resveratrolo, presente nella buccia dell'uva nera. Ha inoltre proprietà antivirali, grazie all'acido tannico e fenolo, in grado di contrastare il virus dell'herpes simplex (applicazioni di succo d'uva o di mosto sulle labbra affette da herpes ne velocizzano la guarigione). Gli acini ridotti in purè, applicati sulla pelle di viso e collo, hanno un'azione astringente e rivitalizzante. L'uva ha un potere saziante piuttosto basso, infatti mangiando un chilo di uva (circa un grosso grappolo), si assumono ben 600 kcal! Per questi motivi, è bene valutare se inserire questo frutto in un piano alimentare ipocalorico. In tal caso è preferibile consumare l'uva insieme ad altri frutti, in una macedonia, per innalzare l'indice di sazietà. È consigliabile mangiare i semi contenuti nell'uva; infatti, nei semi dell'uva sono contenuti degli acidi che possono combattere alcune malattie tumorali; inoltre mangiando il chicco senza sbucciarlo possiamo ottenere le vitamine A e K; la buccia contiene gran parte delle sostanze aromatiche, le sostanze coloranti e i tannini. Centrifugando l'uva si ottiene il 'succo d'uva'.